Cordoglio

L’Associazione Fassa tutta, appresa la triste notizia, vuole esprimere il più sentito Cordoglio per la scomparsa di Père Frumenzio Ghetta, importante e stimata Memoria Storica della Sua e nostra amata Valle di Fassa.

Luca Guglielmi

Segretario Politico

Associazione FASSA

 

Incontro con Magdi Cristiano Allam

L’Associazione FASSA vi invita a partecipare all’incontro politico programmato per questo sabato (12 aprile), alle ore 16.30, presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo Ladino di Fassa a Pozza. Tale appuntamento, dal titolo: “La fine dell’Europa delle banche. Bisogno di valori ed identità. L’esempio dei Ladini.”,          vedrà come relatore il noto eurodeputato On. Magdi Cristiano Allam (scrittore e già vicedirettore del Corriere della Sera).
Con la certezza di vederci sabato, salutiamo cordialmente.

1669970_639884492734000_2367390804411302863_o

Relazione annuale della Presidente Elena Testor

Il  percorso è iniziato poco più di un anno fa, il 21 marzo 2012 quando è stata convocata l’Assemblea  Generale dei soci.

Una data per noi importante, in quanto come  primo giorno di primavera, e inizio de NA NEVA SAJON POLITICA, volta a costruire il confronto quale miglior strumento per la crescita fondato sul principio dell’ ASCOLTARE – COMPRENDERE – AGIRE.

L’assemblea ha votato le983891_506252712763846_812081801_n nuove cariche: il Presidente, ruolo che ricopro io, il segretario politico nella persona di Luca Guglielmi, ed il nuovo consiglio direttivo nelle persone di: Francesco Pitscheider, Cornelio Lazzer, Manuel Capovilla, Lucia Mazzel, Alessandro Cianchetta, Diego Depellegrini, Gianluigi de Sirena, Veronica Rizzi. Provibiri: Roberto Guglielmi, Angelo Scarafilo, Juri Besic, che, come previsto dal nostro Statuto, resteranno in carica 3 anni. Continua a leggere

La 1^ Commissione Permanente boccia il ddl 233 sui referendum delle Minoranze Linguistiche

       “Ubi maior minor cessat”, con questa ancora oggi popolare locuzione latina voglio inquadrare la bocciatura, da parte della Prima Commissione permanente del Consiglio Provinciale, del Disegno di Legge 233 che proponeva di modificare la Legge Provinciale sui Referendum, diminuendo da 1500 a 500 le sottoscrizioni necessarie per indire una proposta referendaria con oggetto interessi delle Minoranze Linguistiche Ladine, Mochene e Cimbre.

immagine artUna proposta sicuramente tutta a vantaggio delle popolazioni di minoranza linguistica, che perseguiva quell’idea di Autonomia, in questo caso decisionale e di opinione, di cui tanti (forse troppi) si riempiono la bocca. Un Disegno di Legge che mirava a dare la possibilità anche alle Minoranze Linguistiche di poter scegliere, decidere su norme e leggi che le riguardano; possibilità che, allo stato dell’arte, viene “castrata” da due fossati: Continua a leggere

Modifica della legge provinciale sui referendum: nota illustrativa alla I^ commissione permanente

Questo pomeriggio ho partecipato alle audizioni sul disegno di legge n°233 che mira a modificare il numero di sottoscrizioni da raccogliere nei territori di minoranza linguistica a sostegno di una proposta referendaria che tocchi interessi delle minoranze linguistiche stesse. Di seguito troverete la mia nota illustrativa consegnata alla I^ Commissione Permanente della Provincia Autonomia di Trento. La legge approderà in Consiglio Provinciale nei primi giorni di giugno. In fondo all’articolo troverete l’attuale legge provinciale sui referendum e il disegno di legge 233.                                                                                                

            Non posso che accogliere positivamente il Disegno di Legge n°233 del 27 luglio 2011, modificante alcune disposizioni della Legge sui Referendum provinciali n°3 del 5 marzo 2003.

            Le tre modifiche agli articoli 5, 17 e 18, proposte nel ddl in discussione abbassano ad un livello sostenibile il numero di sottoscrizioni da raccogliere a sostegno di una proposta referendaria “che abbia ad oggetto questioni che coinvolgono interessi delle minoranze linguistiche ladine, mochene o cimbre“; si passa da un numero di 1500 ad uno di 500. Continua a leggere